I clienti ci amano

  • uuid 74e1a1a5 6f40 4028 a6a6 852a295ec504 | Fuga di dati Spotify
    Migliaia di clienti si fidano di noi
  • uuid 0e2bb2d2 15e1 4782 aac7 89df887ba2c3 | Fuga di dati Spotify
    Nessuna commissione anticipata
  • uuid 53eb1ec5 b283 4f79 98a2 fb5815c90cd3 | Fuga di dati Spotify
    ≈ Tasso di successo dell'85%
  • uuid 84ea24a3 acf6 4503 9ece 393ddb536ba0 | Fuga di dati Spotify
    Siamo internazionali

Introduzione

Immagina la tua canzone preferita su Spotify, il ritmo, il testo, la melodia. Ora, immagina che i tuoi dati personali suonino su una melodia diversa. Nel 2020, Spotify, una popolare piattaforma di streaming musicale, ha subito una significativa violazione dei dati. Furono esposte le informazioni personali di un numero di clienti compreso tra 300.000 e 350.000. Nel luglio del 2022 si è verificata un’altra violazione e questa volta sono stati rubati ancora più dati personali. Le violazioni non si sono fermate lì. Sono seguiti una serie di incidenti, ognuno dei quali ha rivelato altri dati dei clienti. Questa non è solo una storia di violazioni di dati; è un campanello d’allarme per la sicurezza digitale. Approfondiamo i dettagli.

Spiegazione della violazione dei dati di Spotify

Cosa è successo?

Nel 2020 sono stati resi pubblici i dati di circa 300.000-350.000 clienti di Spotify. Queste informazioni contenevano nomi, numeri di telefono, indirizzi e-mail, password, date di nascita, dati sulla posizione, informazioni sui dispositivi e preferenze musicali.

Nella seconda violazione, avvenuta nel luglio 2022, sono stati sottratti la password, i dati di pagamento e le informazioni personali di un account personale. Un post su un forum in lingua russa del dicembre 2023 affermava che qualcuno aveva accesso a un database contenente i dati personali di milioni di clienti di Spotify. Secondo quanto riportato, l’individuo ha ottenuto i dati dal 2023 e stava cercando di venderli per denaro. Dopo aver esaminato la denuncia, Spotify ha verificato l’autenticità dei dati. I dati provenivano da un incidente precedente che era già stato risolto, ha dichiarato l’azienda.

Timeline

  • 2024 (gennaio): Scoperta fuga di notizie da parte di Spotify. Un utente scopre e segnala un’altra fuga di dati di Spotify su un forum in lingua russa. Spotify conferma che i dati sono autentici e provengono dalla violazione del 2020.
  • 2023 (dicembre): Incidenti multipli a Spotify. Su un forum in lingua russa emergono una serie di segnalazioni, tra cui la rivendicazione dell’accesso a un database con i dati personali di milioni di utenti di Spotify e la scoperta da parte di un singolo utente dell’esposizione dei propri dati personali (nome, data di nascita, numero di telefono). Spotify indaga, conferma l’autenticità dei dati e stabilisce che provengono da una violazione precedente.
  • 2023 (marzo): Le informazioni personali di quasi 44 milioni di clienti di Spotify sono state rese pubbliche. È accaduto a causa di una violazione dei dati presso una società di marketing di terze parti che collaborava con il servizio di streaming.
  • 2023 (febbraio): Le informazioni personali di quasi 14 milioni di clienti di Spotify sono state compromesse da una violazione dei dati presso una società di marketing che collaborava con il servizio di streaming musicale.
  • 2022 (ottobre): 72 milioni di account sono stati compromessi. Le informazioni personali di oltre 72 milioni di clienti di Spotify sono state compromesse da una violazione dei dati di un’azienda di influencer marketing che collaborava con il servizio di streaming musicale.
  • 2022 (settembre): 51 milioni di account sono stati compromessi. Le informazioni personali di circa 51 milioni di consumatori sono state compromesse da una violazione dei dati presso un servizio di streaming musicale rivale di Spotify.
  • 2022 (agosto): 32 milioni di account sono stati compromessi. Le informazioni personali di circa 32 milioni di utenti sono state rese pubbliche a causa di una violazione dei dati presso un’azienda di licenze musicali che collaborava con Spotify.
  • 2022 (luglio): Serie di incidenti di hacking che coinvolgono gli utenti di Spotify. Spotify deve affrontare diverse minacce alla sicurezza, tra cui un attacco di credential stuffing rivolto a utenti specifici, in cui gli hacker hanno tentato di accedere agli account utilizzando nomi utente e password precedentemente violati. Spotify conferma questi attacchi e implementa misure per rafforzare la propria sicurezza.
  • 2022 (giugno): 23 milioni di persone sono state compromesse. Le informazioni personali di circa 23 milioni di clienti sono state compromesse da una violazione dei dati presso un’azienda di distribuzione musicale che collaborava con Spotify.
  • 2022 (maggio): 14 milioni di account sono stati compromessi. Le informazioni personali di circa 14 milioni di clienti sono state compromesse da una violazione dei dati presso un produttore di dispositivi di streaming musicale che collaborava con Spotify.
  • 2022 (aprile): 7 milioni di account sono stati compromessi. Le informazioni personali di quasi 7 milioni di clienti sono state compromesse da una violazione dei dati di un servizio di podcasting che collaborava con Spotify.
  • 2022 (gennaio): L’app musicale integrata di Spotify ha subito una fuga di dati. Le informazioni personali di circa 4 milioni di clienti sono state compromesse da una violazione dei dati presso un’app di scoperta musicale integrata con Spotify.
  • Nel novembre 2020, Spotify ha registrato la sua più grande fuga di dati. Un database cloud Elasticsearch mal configurato contenente le password degli utenti ha portato alla scoperta delle informazioni personali di circa 300.000-350.000 abbonati online. Questa significativa violazione è stata identificata per la prima volta da vpnMentor, una società di cybersicurezza, che ha poi allertato Spotify. In seguito alla scoperta, Spotify ha riconosciuto pubblicamente la violazione e ha confermato il numero di account utente interessati. In risposta a questo incidente di sicurezza, Spotify ha agito tempestivamente reimpostando le password di tutti gli account interessati dalla falla.

Ci sarà un risarcimento?

È normale che le violazioni di dati su larga scala comportino un risarcimento per le persone colpite. L’importo esatto dell’indennizzo di Spotify può variare in base a fattori quali la posizione dell’utente e l’entità dei dati violati.

zero | Fuga di dati Spotify

Nessuna vittoria, nessuna parcella. La nostra parcella viene detratta dal risarcimento che otterremo per te, quindi non avrai nulla da perdere. Prova ora ➡️

Sono stato coinvolto?

Se sei stato colpito, dovresti ricevere una lettera di notifica della violazione dei dati entro 72 ore dalla scoperta. Ma ci sono stati casi in cui queste notifiche non sono state inviate per proteggere l’immagine dell’azienda ed evitare di identificare gli utenti che potrebbero avere diritto a un risarcimento. Quindi, in caso di fuga di dati, è più intelligente compilare il modulo e aderire alla richiesta di risarcimento a prescindere.

Cosa fare

Se ritieni di essere stato colpito o stai solo esplorando le tue opzioni, puoi verificare in modo semplice e veloce la tua eleggibilità e l’importo del risarcimento con il nostro velocissimo  Servizio di controllo per la violazione dei dati. In meno di 2 minuti, saprai quanto denaro puoi ottenere e sarai in grado di richiedere il risarcimento. Provare per credere!

Procedimenti legali e accordo con Spotify

Nel corso degli anni Spotify ha affrontato diverse battaglie legali sulla privacy dei dati, principalmente in relazione al consenso, alla notifica e alla vendita dei dati degli utenti.

In Europa, l’autorità francese per la protezione dei dati (CNIL) ha multato Spotify per 1,6 milioni di euro nel 2021 per aver violato il Regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR). Secondo il CNIL, Spotify non ha ottenuto correttamente l’autorizzazione degli utenti prima di trattare i loro dati personali, che includevano la posizione e la cronologia degli ascolti. Inoltre, Spotify ha pagato una multa per non aver fornito ai clienti sufficienti informazioni sull’utilizzo dei loro dati.

L’anno successivo, un gruppo di utenti ha intentato una causa contro Spotify in California, sostenendo che l’azienda aveva violato il California Consumer Privacy Act (CCPA). Secondo la causa, Spotify non ha fornito ai clienti informazioni sufficienti sulle sue pratiche di trattamento dei dati o un’opzione per scegliere di non vendere i propri dati personali. Nel 2023, Spotify e i querelanti hanno raggiunto un accordo in cui entrambi hanno concordato che Spotify avrebbe dovuto pagare 70 milioni di dollari e modificare le sue politiche sui dati.

Privacy dei bambini

Nel 2022, Spotify è stata citata in giudizio da un gruppo di genitori che sostenevano che la società avesse raccolto e utilizzato i dati personali dei bambini senza il consenso dei genitori. La causa sosteneva che Spotify aveva violato il Children’s Online Privacy Protection Act (COPPA). Spotify ha negato le accuse e la causa è ancora in corso.

Negoziazione e approvazione del tribunale

Le trattative diconciliazione coinvolgono in genere le parti coinvolte, i loro consulenti legali e, in alcuni casi, mediatori o arbitri. Il tribunale svolge un ruolo nell’approvazione degli accordi, garantendo che siano equi e ragionevoli e che rispettino le leggi e i regolamenti pertinenti.

Nel caso della transazione di Spotify con l’autorità francese per la protezione dei dati, la CNIL ha approvato la transazione dopo aver considerato le argomentazioni delle parti e le conclusioni di un esperto indipendente. Nel caso dell’accordo di Spotify con l’azione collettiva in California, il tribunale ha nominato uno special master per esaminare l’ accordo e formulare raccomandazioni al tribunale. Il tribunale ha infine approvato l’accordo dopo aver preso in considerazione la relazione del maestro speciale e altre prove.

Come richiedere un risarcimento a Spotify

Se vuoi un risarcimento per la violazione dei dati, devi unirti a una causa collettiva, nota anche come class action. Lavorerai con un partner per le controversie finanziarie che si occuperà di tutto. Esatto, siamo noi! Il tuo compito è solo quello di fare domanda e poi aspettare di ottenere i soldi.

Remunzo si occupa di tutto il duro lavoro: prepariamo la causa e portiamo le società in tribunale per te. Le aziende non vogliono pagare facilmente, ma Remunzo combatterà duramente per ottenere il tuo risarcimento. Quando ci si unisce a migliaia di altre persone in una causa come questa, è più probabile che la società paghi e che l’importo del risarcimento per persona, cioè quanto riceverai, sia più alto.

Remunzo ti terrà aggiornato sullo stato dell’accordo. Devi avere pazienza perché possono passare mesi prima che i pagamenti del risarcimento vengano effettuati e che tu venga pagato.

Verifica rapidamente la tua eleggibilità e l’importo del risarcimento con il nostro semplice Servizio di controllo per la violazione dei dati. In meno di 2 minuti saprai quanto denaro puoi ottenere e potrai richiedere un risarcimento. Prova!

attention | Fuga di dati Spotify

Richiedi il tuo risarcimento per violazione dei dati! Compila il nostro semplice modulo in 2 minuti e scopri il tuo potenziale risarcimento.

Impatto della violazione dei dati di Spotify sugli utenti

Spotify è sempre più spesso criticato per le sue pratiche in materia di dati. L’azienda è stata accusata di raccogliere troppi dati sui suoi utenti e di non essere abbastanza trasparente su come li utilizza. Questa piattaforma di streaming, una delle più grandi, è stata criticata per aver condiviso i dati personali degli utenti con terze parti senza il loro consenso, per averli condivisi con il governo senza un mandato e per averli utilizzati per scopi non specificati nella sua politica sulla privacy.

La risposta di Spotify e le modifiche alla sicurezza dei dati

Spotify ha dovuto affrontare critiche significative in seguito a una serie di violazioni dei dati che hanno esposto le informazioni personali di milioni di utenti. In risposta, Spotify si è impegnata a implementare misure di sicurezza più severe e a migliorare le sue pratiche di protezione dei dati, come ha dichiarato: “Ci impegniamo a creare una piattaforma giusta ed equa per gli artisti, e questo include la garanzia che i nostri pagamenti siano basati su ascolti genuini. Le nostre nuove politiche aiuteranno a combattere le frodi di streaming e i contenuti rumorosi, e crediamo che in ultima analisi andranno a vantaggio sia degli artisti che degli ascoltatori”

Nonostante le critiche sulla gestione dei dati degli utenti, Spotify ha annunciato l’intenzione di offrire agli utenti servizi gratuiti di monitoraggio del credito. Sebbene queste misure siano un passo nella giusta direzione, potrebbero non essere sufficienti a ripristinare completamente la fiducia degli utenti. Spotify dovrà continuare a dimostrare il suo impegno per la sicurezza e la privacy dei dati per riconquistare la fiducia dei suoi milioni di utenti.

Implicazioni future e impatto sul settore

Le violazioni dei dati di Spotify e i successivi accordi hanno avuto un impatto significativo sull’azienda e sul settore tecnologico in generale. Le violazioni hanno eroso la fiducia degli utenti nei confronti di Spotify e di altre aziende tecnologiche e hanno portato alla richiesta di norme più severe sulla privacy dei dati.

La cattiva gestione dei dati degli utenti da parte delle aziende di Internet è una tendenza che include le violazioni dei dati di Spotify. Negli ultimi anni si sono verificati numerosi casi di alto profilo di violazione dei dati di aziende come Facebook, Google e Apple. L’etica della raccolta dei dati e la capacità delle aziende digitali di proteggere le informazioni degli utenti sono state messe sotto esame a causa di queste violazioni.

Altri casi famosi di violazione della privacy

Spotify non è l’unica ad aver subito il furto di dati. Centinaia di altre aziende hanno subito o subiranno violazioni di dati. Per questo motivo, ti suggeriamo di utilizzare il nostro Calcolatore dei risarcimenti. Questo strumento ti aiuterà a scoprire quante richieste di risarcimento avete diritto e quanto denaro potreste ottenere. E noi possiamo aiutarti a ottenerlo facilmente.

Conclusione

In conclusione, Spotify ha affrontato sfide significative in materia di privacy dei dati, tra cui molteplici violazioni e battaglie legali. Questi incidenti hanno portato a multe e risarcimenti, evidenziando l’importanza di un consenso adeguato e della trasparenza nella gestione dei dati. L’azienda si è impegnata a migliorare le misure di sicurezza e le pratiche di protezione dei dati, con l’obiettivo di riconquistare la fiducia degli utenti. Tuttavia, saranno necessari sforzi continui per ripristinare completamente la fiducia nell’impegno di Spotify nei confronti della privacy e della sicurezza degli utenti.

question | Fuga di dati Spotify

Ti stai perdendo altri risarcimenti per la fuga di dati? Prova il nostro calcolatore di risarcimento e scoprilo subito!

Domande frequenti

Come minimizzare o prevenire l’impatto della violazione dei dati?

L’utilizzo di carte di pagamento virtuali con limiti di spesa e indirizzi e-mail unici per i diversi servizi può ridurre notevolmente il rischio di violazione dei dati. Le carte virtuali monouso proteggono i tuoi dati finanziari, mentre gli indirizzi e-mail personalizzati (come “yourname+service@gmail.com”) aiutano a identificare i servizi compromessi. Queste strategie aggiungono livelli di sicurezza, riducendo al minimo l’impatto delle violazioni sui vostri dati personali e finanziari.

Cosa fare dopo una violazione dei dati?

In caso di violazione dei dati, modifica immediatamente le password degli account interessati, rendendole forti e uniche. Attiva l’autenticazione a due fattori per una maggiore sicurezza. Controlla i tuoi estratti conto e i rapporti di credito per individuare eventuali attività insolite. Avvisa la tuabanca o il fornitore della carta di credito di potenziali frodi. Fai attenzione alle truffe di phishing dopo la violazione e prendi in considerazione il congelamento del credito. Infine, segnala l’incidente alle autorità competenti.

Che cos’è un avviso di violazione dei dati?

Un avviso di violazione dei dati è un avviso ufficiale di un’organizzazione alle persone i cui dati personali, comprese le password potenzialmente compromesse, potrebbero essere stati esposti in una violazione della sicurezza. Spesso questo avviso può seguire gli avvisi di servizi come Apple o Google che indicano “Questa password è apparsa in una fuga di dati“. L’avviso illustra la natura della violazione, i tipi di dati interessati, i rischi potenziali e le azioni correttive dell’organizzazione. L’avviso consiglia misure di protezione come la modifica delle password e il monitoraggio dei rapporti di credito per ridurre i danni.

Posso fare causa e come partecipare a un’azione legale collettiva?

Sì, puoi fare causa per una violazione dei dati. Con Remunzo, unirsi a una causa collettiva attiva è facile. Verifica la tuaidoneità sulla nostra piattaforma e, se il tuo caso è attivo, puoi unirti alla causa. Remunzo gestisce tutti i procedimenti legali e le trattative per un accordo. Questi processi possono richiedere del tempo, ma noi ti terremo aggiornato. Utilizza il nostro rapido controllo delle perdite di dati per verificare se hai i requisiti per aderire e richiedere un risarcimento.

Quando mi verrà pagato l’indennizzo per la violazione dei dati?

I tempi per ricevere il pagamento di una transazione per violazione di dati variano, e spesso richiedono diversi mesi dopo il raggiungimento dell’accordo. Fattori come la complessità del caso, il numero di ricorrenti e le procedure legali influiscono sulle tempistiche. Remunzo ti terrà informato sull’andamento della transazione, ma la pazienza è fondamentale perché questi processi possono essere lunghi.

Fonti

  1. Heiligenstein MX. Violazioni dei dati di TikTok: Cronologia completa fino al 2023 [Internet]. Firewall Times. 2023. Disponibile da: https://firewalltimes.com/tiktok-data-breach-timeline/
  2. Bitdefender. Silviu STAHIE. 4 ottobre 2021. Spotify ha subito un attacco di Credential Stuffing con dati provenienti da un’altra violazione. https://www.bitdefender.com/blog/hotforsecurity/spotify-hit-with-a-credential-studding-attack-with-data-from-another-breach/
  3. Spotify. 9 gennaio 2024. Pensi che il tuo account sia stato violato? https://support.spotify.com/us/article/hacked-account-help/
  4. AZIENDE MUSICALI ONLINE. MURRAY STASSEN. 24 marzo 2021. SPOTIFY PATTEGGIA LA CAUSA CON IL FONDATORE DEI DIRITTI MUSICALI CHE CHIEDEVA OLTRE 1 MILIARDO DI DOLLARI DI DANNI. https://www.musicbusinessworldwide.com/spotify-settles-with-pro-music-rights-founder-who-sought-over-1bn-in-damages/
  5. Il sorso quotidiano. Adam Bannister. 9 gennaio 2024. La vulnerabilità della sicurezza di Spotify ha esposto i dati personali ai partner commerciali. https://portswigger.net/daily-swig/spotify-security-vulnerability-exposed-personal-data-to-business-partners

Condividi questo

newsletter | Fuga di dati Spotify

Rimaniamo nel giro

    L'invio implica il consenso alla nostra politica sulla privacy
    | Fuga di dati Spotify

    Autore

    Il nostro team conta più di 80 avvocati qualificati, provenienti da 8 paesi, e numerosi studi legali partner che si occupano delle tue richieste di risarcimento. Puoi fidarti di noi! Per una presentazione più dettagliata del nostro team, ti invitiamo a visitare la pagina dedicata. Stiamo lavorando per creare un mondo in cui portare le grandi aziende in tribunale sia semplice e a portata di pochi clic per tutti, a prescindere dal denaro, dalle competenze o dal background. Il nostro obiettivo è costruire un futuro in cui sia facile per tutti difendere i propri diritti e ottenere giustizia.