I clienti ci amano

  • uuid 74e1a1a5 6f40 4028 a6a6 852a295ec504 | Fuga di dati Google
    Migliaia di clienti si fidano di noi
  • uuid 0e2bb2d2 15e1 4782 aac7 89df887ba2c3 | Fuga di dati Google
    Nessuna commissione anticipata
  • uuid 53eb1ec5 b283 4f79 98a2 fb5815c90cd3 | Fuga di dati Google
    ≈ Tasso di successo dell'85%
  • uuid 84ea24a3 acf6 4503 9ece 393ddb536ba0 | Fuga di dati Google
    Siamo internazionali

Introduzione

Immagina i tuoi dati personali che fluttuano su Internet a disposizione di chiunque. Questo non è solo un pensiero spaventoso: è stato una realtà per milioni di persone a causa delle molteplici violazioni dei dati da parte di Google. Da nomi ed e-mail a numeri di telefono, l’impatto è stato vasto e variegato, con ripercussioni sui servizi di Google come Google Fi e persino con la chiusura di Google+. Che si tratti di un bug che espone milioni di account Google+ o di un hack che rivela i dati dei clienti di Google Fi attraverso T-Mobile, le conseguenze sono più che fastidiose: sollevano seri interrogativi sulla privacy e sulla sicurezza nell’era digitale. Scopri come si sono svolti questi incidenti, la risposta di Google e cosa significa per utenti come te.

Spiegazione della violazione dei dati di Google

Cosa è successo?

Nel corso degli anni Google ha subito diverse violazioni dei dati, esponendo le informazioni personali di milioni di utenti.

Nel gennaio 2023, alcuni dati dei clienti di Google Fi sono stati compromessi in una violazione su larga scala di T-Mobile. La violazione di T-Mobile ha interessato oltre 37 milioni di clienti, con il furto di nomi, indirizzi, numeri di telefono e altre informazioni. Anche se Google non è stata violata, Google Fi si appoggia alla rete di T-Mobile e quindi alcuni dati dei clienti di Google Fi sono stati esposti.

Una delle più grandi violazioni dei dati di Google è avvenuta nel dicembre 2018 e ha coinvolto Google+. Un bug del software ha esposto i dati del profilo di 52,5 milioni di account Google+ nell’arco di una settimana. Le informazioni esposte includevano nomi, indirizzi e-mail, professioni, età e altro ancora. Google ha risolto rapidamente il bug, ma ha deciso di chiudere completamente la rete Google+ nell’aprile 2019.

In sintesi, Google ha dovuto affrontare diverse violazioni di dati che hanno esposto informazioni personali come nomi, indirizzi e-mail, località, età, numeri di telefono e dettagli di account di milioni di utenti.

Timeline

  • 2023 (gennaio): I dati dei clienti di Google Fi compromessi nella violazione di T-Mobile. Oltre 37 milioni di dati di clienti T-Mobile, compresi gli utenti di Google Fi, sono stati rubati in una violazione. Google non è stata violata, ma i clienti di Google Fi sono stati informati che i loro dati erano parte della violazione di T-Mobile.
  • 2020 (luglio): L’autorità di vigilanza australiana accusa Google di aver ingannato gli utenti. Google avrebbe combinato le informazioni degli utenti senza consenso per il targeting degli annunci pubblicitari, a partire dal 2016, e ciò è stato considerato una violazione da un ente di controllo australiano.
  • 2020 (aprile): Causa da 5 miliardi di dollari contro Google per il tracciamento della modalità Incognito. Google deve affrontare una causa per aver raccolto dati dagli utenti in modalità di navigazione “privata” senza un’adeguata divulgazione.
  • 2019 (settembre): Google multato per 170 milioni di dollari per violazione della privacy dei minori. Google accetta di pagare 170 milioni di dollari per non aver ottenuto il consenso dei genitori prima di raccogliere dati su bambini sotto i 13 anni su YouTube Kids.
  • 2018 (dicembre): Un bug di Google+ colpisce 52,5 milioni di utenti. Un bug nell’aggiornamento del software espone i dati di 52,5 milioni di account Google+. Google ha rapidamente risolto il bug e accelerato la chiusura di Google+.
  • 2018 (agosto): Google traccia i dati di localizzazione di 2 miliardi di utenti. Google ha scoperto di tracciare i dati di localizzazione degli utenti anche quando la “cronologia delle posizioni” è in pausa, interessando fino a 2 miliardi di utenti.
  • 2018 (luglio): Accesso alle e-mail degli utenti Gmail da parte di terzi. Il Wall Street Journal rivela che aziende terze, come Return Path, hanno avuto accesso ai messaggi Gmail degli utenti. Google sostiene che l’accesso è stato concesso solo con il consenso degli utenti.
  • 2018 (marzo): Google+ espone i dati di 500.000 utenti. Un bug in Google+ consente agli sviluppatori di terze parti di accedere ai dati privati degli utenti dal 2015 a marzo 2018. Google ha nascosto la violazione fino al rapporto del Wall Street Journal dell’ottobre 2018.
  • 2016 (novembre): Il malware Gooligan infetta 1 milione di dispositivi Android. Checkpoint scopre il malware Gooligan, che infetta i dispositivi Android tramite phishing e download di app di terze parti.
  • 2015 (settembre): Malware BrainTest su Google Play Store. L’applicazione BrainTest infettata da malware su Google Play Store colpisce fino a 1 milione di dispositivi Android, successivamente rimossi da Google.
  • 2014 (settembre): Quasi 5 milioni di password Gmail trapelate. Circa 5 milioni di indirizzi e password di Gmail pubblicati online, anche se Google sostiene che non si è verificata alcuna violazione del sistema.
  • 2009 (giugno-dicembre): Hacker cinesi violano i server di Google. Hacker sostenuti dal governo cinese si infiltrano in Google, puntando alle informazioni sugli attivisti per i diritti umani e alla sorveglianza delle forze dell’ordine statunitensi.

Ci sarà un risarcimento?

È comune che le violazioni di dati su larga scala comportino un risarcimento per le persone colpite. L’importo esatto dell’indennizzo di Google può variare in base a fattori quali l’ubicazione dell’utente e la portata dei dati violati.

zero | Fuga di dati Google

Nessuna vittoria, nessuna parcella. La nostra parcella viene detratta dal risarcimento che otterremo per te, quindi non avrai nulla da perdere. Prova ora ➡️

Sono stato coinvolto?

Se sei stato colpito, dovresti ricevere una lettera di notifica della violazione dei dati entro 72 ore dalla scoperta. Ma ci sono stati casi in cui queste notifiche non sono state inviate per proteggere l’immagine dell’azienda ed evitare di identificare gli utenti che potrebbero avere diritto a un risarcimento. Quindi, in caso di fuga di dati, è più intelligente compilare il modulo e aderire alla richiesta di risarcimento a prescindere.

Cosa fare

Se ritieni di essere stato colpito o stai solo esplorando le tue opzioni, puoi verificare in modo semplice e veloce la tua eleggibilità e l’importo del risarcimento con il nostro velocissimo  Servizio di controllo per la violazione dei dati. In meno di 2 minuti, saprai quanto denaro puoi ottenere e sarai in grado di richiedere il risarcimento. Provare per credere!

Procedimenti legali e accordo con Google

Google ha affrontato controlli e conseguenze legali per le violazioni della privacy e le violazioni dei dati di Google. Dopo che la violazione di Google+ del marzo 2018 non è stata segnalata per mesi prima di essere resa pubblica, Google ha dovuto affrontare le critiche per aver occultato l’incidente nel momento in cui Facebook ha dovuto affrontare le critiche per Cambridge Analytica. Di fronte alle pressioni, Google ha accelerato la chiusura della rete Google+.

L’azienda ha inoltre accettato di attuare riforme per migliorare i processi di revisione della privacy e aumentare la trasparenza sugli incidenti. Ha posto fine alle clausole arbitrali obbligatorie negli accordi con gli utenti per consentire le azioni legali collettive.

Nel settembre 2019, Google ha pagato 170 milioni di dollari per risolvere le accuse secondo cui YouTube avrebbe violato le leggi sulla privacy dei minori raccogliendo dati per il targeting degli annunci senza consenso. I critici hanno affermato che Google ha tratto enormi profitti ignorando le opportune salvaguardie.

Altre cause legali sostengono che Google abbia ingannato i consumatori sui controlli della privacy e sul tracciamento della posizione.

L’azione legale ha portato l’attenzione su una violazione della fiducia degli utenti, poiché molti di essi utilizzano la modalità “Incognito” credendo che questa offra un livello di privacy più elevato, non memorizzando la cronologia di navigazione o i cookie sui loro dispositivi. Tuttavia, la causa sostiene che Google ha comunque raccolto dati sulle attività online degli utenti durante le sessioni di navigazione in “Incognito” senza il loro esplicito consenso.

Questo non solo ha rappresentato una sfida diretta alle aspettative di privacy degli utenti, ma ha anche sollevato serie preoccupazioni sul modo in cui Google gestisce e rispetta i dati degli utenti, soprattutto in una modalità esplicitamente progettata per una navigazione più privata.

L’accordo per un importo così significativo segnala la gravità della situazione e il riconoscimento della responsabilità di Google nell’affrontare queste violazioni della privacy.

Potenzialmente, in attesa dell’approvazione dell’accordo, potrebbero emergere ulteriori multe miliardarie e modifiche aziendali obbligatorie dalle cause in corso. Le vittime possono ricevere un risarcimento per le violazioni attraverso un’azione collettiva.

Come richiedere un risarcimento a Google

Se vuoi un risarcimento per la violazione dei dati, devi unirti a una causa collettiva, nota anche come class action. Lavorerai con un partner per le controversie finanziarie che si occuperà di tutto. Esatto, siamo noi! Il tuo compito è solo quello di fare domanda e poi aspettare di ottenere i soldi.

Remunzo si occupa di tutto il duro lavoro: prepariamo la causa e portiamo le società in tribunale per te. Le aziende non vogliono pagare facilmente, ma Remunzo combatterà duramente per ottenere il tuo risarcimento. Quando ci si unisce a migliaia di altre persone in una causa come questa, è più probabile che la società paghi e che l’importo del risarcimento per persona, cioè quanto riceverai, sia più alto.

Remunzo ti terrà aggiornato sullo stato dell’accordo. Devi avere pazienza perché possono passare mesi prima che i pagamenti del risarcimento vengano effettuati e che tu venga pagato.

Verifica rapidamente la tua eleggibilità e l’importo del risarcimento con il nostro semplice Servizio di controllo per la violazione dei dati. In meno di 2 minuti saprai quanto denaro puoi ottenere e potrai richiedere un risarcimento. Prova!

Cosa preparare

Per presentare la richiesta di risarcimento, è necessario disporre di informazioni personali che dimostrino che si è un utente verificato di Google interessato dalla violazione dei dati in questione. Elementi utili:

  • Indirizzo e-mail dell’account Google utilizzato al momento della violazione
  • Numero di telefono associato
  • Registrazioni che dimostrino l’utilizzo di prodotti Google
  • Documenti digitali o fisici che confermino l’impatto della violazione

Prove per il caso specifico

I documenti come le notifiche e-mail che confermano che il tuo account Google è stato colpito da una specifica violazione possono contribuire a sostenere il tuo caso. L’avvio di un’azione legale subito dopo la violazione costituisce inoltre il caso più solido.

attention | Fuga di dati Google

Richiedi il tuo risarcimento per violazione dei dati! Compila il nostro semplice modulo in 2 minuti e scopri il tuo potenziale risarcimento.

Impatto della violazione dei dati di Google sugli utenti

Data la presenza onnipresente di Google nella posta elettronica, nei telefoni cellulari, nella navigazione web e altro ancora, qualsiasi violazione dei dati di Google ha un impatto di ampia portata sugli utenti le cui informazioni personali sono esposte.

Oltre a rischi come il furto di identità, le truffe di phishing e il dirottamento di account. Le violazioni dei dati di Google erodono la fiducia e la vigilanza dei consumatori sulla privacy online. Gli utenti che si affidano a Google per la sicurezza dei dati perdono fiducia quando si verificano questi incidenti. Sebbene il danno alla reputazione derivante dall’erosione della fiducia del pubblico abbia un impatto su Google, sono i singoli utenti a subire le conseguenze più gravi e tangibili, che vanno dai disagi alla tragedia della vita.

Le vittime di violazioni della privacy da parte di Google subiscono stress, disagi e costi legati a misure di protezione come il blocco del credito, l’uso di password più forti e il monitoraggio dell’account che richiede molto tempo.

Inoltre, YouTube ha iniziato a bloccare gli ad blocker, il che significa che probabilmente utilizza i cookie per tracciare gli utenti senza consenso, in violazione del GDPR. Questo probabilmente porterà a ulteriori cause legali sulla privacy contro Google in futuro. Suscita preoccupazione un altro potenziale problema normativo per Google, relativo alla gestione dei dati degli utenti.

Anche se non tutti gli utenti subiscono conseguenze estreme in termini di frode, tutti gli individui colpiti si sentono a disagio per la fuga di dati privati e per il sostegno ad aziende che tradiscono la fiducia dei consumatori.

Storie specifiche di utenti

Al di là dei pericoli diretti, come il furto di identità derivante dalle violazioni, i problemi di privacy di Google aprono la porta a conseguenze devastanti nel mondo reale. Le vittime devono affrontare il caos nel tentativo di recuperare account, dati e finanze.

Lulu Louise, una madre single in viaggio all’estero, ha condiviso la sua esperienza da incubo dopo che gli hacker si sono impossessati del suo account Google nel marzo 2022:

“Il mio account Google è stato violato mentre ero all’estero. Gli hacker hanno chiesto soldi o avrebbero condiviso le foto private contenute nel mio account. Hanno iniziato a pubblicare le mie foto e le hanno inviate a parenti/amici.

“Hanno cambiato le mie password, le informazioni di contatto e hanno cancellato il mio telefono e il tablet di mio figlio, eliminando l’accesso ai dati bancari, ai viaggi e ai ricordi. Sono rimasta bloccata all’estero, separata dal mio bambino, senza soldi né documenti.

“Ho contattato disperatamente Google per chiedere aiuto per il recupero dell’account. Ma mi hanno risposto che non potevano fare nulla per disabilitare l’account, interrompere le molestie o mettermi in condizione di riprendere il controllo. Mi sono sentita violata e abbandonata in un momento di crisi”

La storia di Louise mostra l’angoscia tangibile che gli utenti devono affrontare quando Google non riesce a fornire una supervisione o un’assistenza per il recupero dopo le violazioni. Al di là dei danni digitali, il funzionamento e la sicurezza del mondo reale vengono messi a repentaglio in assenza di assistenza.

La risposta di Google e i cambiamenti nella sicurezza dei dati

Sebbene Google informi gli utenti delle violazioni quando vengono scoperte, i critici sostengono che spesso le notifiche arrivano troppo tardi e mancano di sufficiente trasparenza sulle cause e sugli impatti.

In genere Google si scusa pubblicamente per le sviste sulla privacy quando vengono rivelati gli scandali, illustrando i piani per migliorare le pratiche di sicurezza e gli strumenti che consentono agli utenti di avere un maggiore controllo sulle preferenze di condivisione dei dati.

Ma i problemi persistono anche dopo le promesse di soluzione, come il tracciamento della posizione che continua nonostante le modifiche alle preferenze dell’account dopo lo scandalo dei dati di localizzazione del 2018. A fronte delle frequenti critiche per i passi falsi in materia di privacy, Google vanta processi sempre più rigorosi per il rilevamento dei bug, il blocco del malware e il filtraggio degli output per proteggere i dati dei consumatori. L’azienda afferma che gli errori vengono affrontati tempestivamente e che le politiche si adattano continuamente per evitare che si ripetano.

Tuttavia, alcuni esperti sostengono che Google non riesca a mettere in atto cambiamenti significativi a causa della dipendenza economica dalla raccolta dei dati degli utenti per le entrate pubblicitarie, che scoraggia gli investimenti di sicurezza che riducono la monetizzazione.

Ironia della sorte, Google aveva un motto aziendale “Don’t be evil” (non essere cattivo), ma lo ha rimosso nel 2018, sembrando segnalare un impegno ridotto nei confronti del comportamento morale, dato che i profitti e le dimensioni hanno avuto la precedenza. Per un’azienda che un tempo rivendicava una bussola etica, la continua negligenza di Google nei confronti della privacy dei consumatori sembra contraddire tali aspirazioni. Forse hanno stabilito che il male paga bene, visto che le ripetute falle nella sicurezza che danneggiano centinaia di milioni di persone restano un danno collaterale accettabile per massimizzare i ricavi dell’estrazione dei dati.

Finché una legge o un’azione legale non imporranno riforme radicali, i critici rimangono scettici sul fatto che le violazioni che danneggiano la fiducia cesseranno, dati gli incentivi commerciali di Google.

Implicazioni future e impatto sul settore

Con i dati che stanno diventando il bene più prezioso al mondo, le violazioni di Google segnalano che nessuna organizzazione, per quanto attenta alla sicurezza, è immune dalle minacce. Le vittime chiedono sempre più spesso di essere responsabilizzate attraverso azioni legali. Anche l’ambiente normativo continua a evolversi, con l’introduzione di multe più severe e di leggi sulla trasparenza che impongono alle aziende tecnologiche di rispettare i contratti che garantiscono la privacy dei consumatori o di subire conseguenze penalizzanti per i profitti.

Accordi come la sanzione di Google per la violazione della privacy dei minori indicano che la tolleranza per le promesse vuote sulla privacy e per l’estrazione di dati a scopo di lucro, indifferenti all’impatto sul mondo reale, sta diminuendo. Sebbene Google risponda a scandali specifici con un controllo dei danni carico di scuse, è improbabile che si verifichi un cambiamento di vasta portata senza un intervento esterno, data la fortuna in gioco nel perseguire la massima raccolta di dati.

Finché gli incidenti da prima pagina non infliggeranno crolli duraturi alle azioni e la legislazione non imporrà riforme radicali, i critici sostengono che le violazioni che consentono la condivisione non autorizzata dei dati rimarranno un costo del business, pagato dalla privacy dei consumatori.

Altri casi famosi di violazione della privacy

google non è l’unica ad aver subito un furto di dati. Centinaia di altre aziende hanno subito o subiranno violazioni di dati. Per questo motivo, suggeriamo vivamente di utilizzare il nostro Calcolatore dei risarcimenti. Questo strumento vi aiuterà a scoprire quante richieste di risarcimento avete diritto e quanto denaro potreste ottenere. E noi possiamo aiutarvi a ottenerlo facilmente.

Conclusione

Nel corso degli anni Google ha dovuto affrontare numerose violazioni di dati che hanno interessato le informazioni personali di milioni di utenti. Gli incidenti hanno spaziato dall’accesso a Gmail da parte di terzi, ai bug del software di Google+, fino all’esposizione dei dati attraverso la rete di T-Mobile che ha interessato i clienti di Google Fi. Le ripercussioni legali includono un accordo da 170 milioni di dollari per violazione della privacy dei bambini e cause in corso che contestano le pratiche di Google in materia di privacy dei dati. Nonostante le scuse pubbliche e le promesse di miglioramento della sicurezza, i critici sostengono che il modello economico di Google dia priorità alla raccolta dei dati rispetto alla privacy degli utenti, minando la fiducia e sollevando dubbi sul suo impegno a salvaguardare le informazioni personali.

question | Fuga di dati Google

Ti stai perdendo altri risarcimenti per la fuga di dati? Prova il nostro calcolatore di risarcimento e scoprilo subito!

Domande frequenti

Come minimizzare o prevenire l’impatto della violazione dei dati?

L’utilizzo di carte di pagamento virtuali con limiti di spesa e indirizzi e-mail unici per i diversi servizi può ridurre notevolmente il rischio di violazione dei dati. Le carte virtuali monouso proteggono i tuoi dati finanziari, mentre gli indirizzi e-mail personalizzati (come “yourname+service@gmail.com”) aiutano a identificare i servizi compromessi. Queste strategie aggiungono livelli di sicurezza, riducendo al minimo l’impatto delle violazioni sui vostri dati personali e finanziari.

Cosa fare dopo una violazione dei dati?

In caso di violazione dei dati, modifica immediatamente le password degli account interessati, rendendole forti e uniche. Attiva l’autenticazione a due fattori per una maggiore sicurezza. Controlla i tuoi estratti conto e i rapporti di credito per individuare eventuali attività insolite. Avvisa la tuabanca o il fornitore della carta di credito di potenziali frodi. Fai attenzione alle truffe di phishing dopo la violazione e prendi in considerazione il congelamento del credito. Infine, segnala l’incidente alle autorità competenti.

Che cos’è un avviso di violazione dei dati?

Un avviso di violazione dei dati è un avviso ufficiale di un’organizzazione alle persone i cui dati personali, comprese le password potenzialmente compromesse, potrebbero essere stati esposti in una violazione della sicurezza. Spesso questo avviso può seguire gli avvisi di servizi come Apple o Google che indicano “Questa password è apparsa in una fuga di dati“. L’avviso illustra la natura della violazione, i tipi di dati interessati, i rischi potenziali e le azioni correttive dell’organizzazione. L’avviso consiglia misure di protezione come la modifica delle password e il monitoraggio dei rapporti di credito per ridurre i danni.

Posso fare causa e come partecipare a un’azione legale collettiva?

Sì, puoi fare causa per una violazione dei dati. Con Remunzo, unirsi a una causa collettiva attiva è facile. Verifica la tuaidoneità sulla nostra piattaforma e, se il tuo caso è attivo, puoi unirti alla causa. Remunzo gestisce tutti i procedimenti legali e le trattative per un accordo. Questi processi possono richiedere del tempo, ma noi ti terremo aggiornato. Utilizza il nostro rapido controllo delle perdite di dati per verificare se hai i requisiti per aderire e richiedere un risarcimento.

Quando mi verrà pagato l’indennizzo per la violazione dei dati?

I tempi per ricevere il pagamento di una transazione per violazione di dati variano, e spesso richiedono diversi mesi dopo il raggiungimento dell’accordo. Fattori come la complessità del caso, il numero di ricorrenti e le procedure legali influiscono sulle tempistiche. Remunzo ti terrà informato sull’andamento della transazione, ma la pazienza è fondamentale perché questi processi possono essere lunghi.

Fonti

  1. schoon B. Google Fi apparentemente colpito dall’ultima violazione dei dati di T-Mobile. 9to5Google [Internet]. 2023 Jan 31; Disponibile da: https://9to5google.com/2023/01/30/google-fi-data-breach-tmobile/
  2. newman LH. Google+ ha esposto i dati di 52,5 milioni di utenti e chiuderà ad aprile. WIRED [Internet]. 2018 Dec 10; Disponibile da: https://www.wired.com/story/google-plus-bug-52-million-users-data-exposed/
  3. google chiude Google+ dopo aver esposto i dati di fino a 500.000 utenti [Internet]. CNET. 2018. Disponibile da: https://www.cnet.com/tech/tech-industry/google-reportedly-exposed-data-of-hundreds-of-thousands-of-google-users/
  4. seals T. Il malware Gooligan viola oltre 1M di account Google [Internet]. Infosecurity Magazine. 2016. Disponibile da: https: //www.infosecurity-magazine.com/news/gooligan-malware-breaches-1m-google/
  5. muncaster P. Scoperto malware Brain Test di nuovo su Google Play [Internet]. Infosecurity Magazine. 2016. Disponibile da: https: //www.infosecurity-magazine.com/news/brain-test-malware-discovered-back/
  6. – Gordon W. 5 milioni di password online trapelate, controllate subito le tue [Aggiornato] [Internet]. Lifehacker. 2014. Disponibile da: https: //lifehacker.com/5-million-gmail-passwords-leaked-check-yours-now-1632983265
  7. – Romm T, Dwoskin E. La FTC approva un accordo con Google per la violazione della privacy dei bambini di YouTube. Washington Post [Internet]. 2019 Jul 20; Disponibile da: https://www.washingtonpost.com/technology/2019/07/19/ftc-approves-settlement-with-google-over-youtube-kids-privacy-violations/
  8. chiedi a HN: Il mio account Google è stato violato, Google dice che non può aiutarmi. Disponibile da: https: //news.ycombinator.com/item?id=30677471

Condividi questo

newsletter | Fuga di dati Google

Rimaniamo nel giro

    L'invio implica il consenso alla nostra politica sulla privacy
    | Fuga di dati Google

    Autore

    Il nostro team conta più di 80 avvocati qualificati, provenienti da 8 paesi, e numerosi studi legali partner che si occupano delle tue richieste di risarcimento. Puoi fidarti di noi! Per una presentazione più dettagliata del nostro team, ti invitiamo a visitare la pagina dedicata. Stiamo lavorando per creare un mondo in cui portare le grandi aziende in tribunale sia semplice e a portata di pochi clic per tutti, a prescindere dal denaro, dalle competenze o dal background. Il nostro obiettivo è costruire un futuro in cui sia facile per tutti difendere i propri diritti e ottenere giustizia.